Questo sito utilizza cookie.

Proseguendo la navigazione, accetterai di riceverne. Info

Approvo

COOKIE POLICY E WEB PRIVACY


Ai sensi del Regolamento europeo GDPR 2016/679, Studio Essepi Srl fornisce la presente informativa ai visitatori del sito internet www.studioessepi.it e ai fruitori dei servizi offerti dallo stesso, a partire dall’indirizzo www.studioessepi.it e con l’esclusione dei link esterni.

Studio Essepi Srl è proprietaria del sito, che aggiorna e gestisce tramite fornitore esterno.

Il sito ha per obiettivo la diffusione di informazioni, rapporti e aggiornamenti sui progetti e sulle iniziative aziendali intraprese.

La documentazione, le immagini, i caratteri, la grafica, il software e gli altri contenuti del sito, e tutti i codici e form on line che lo compongono, sono di proprietà di Studio Essepi Srl oppure di diritto di utilizzo esclusivo da parte della stessa.

Il materiale contenuto nel presente sito è protetto da copyright. Pertanto, è fatto divieto di copiare, modificare, caricare, scaricare, trasmettere, pubblicare, o distribuire a terzi il contenuto o i marchi del sito per scopi commerciali o per fini che possono pregiudicare l'immagine di Studio Essepi Srl. L'utente, per scopi meramente professionali o personali e mai di carattere commerciale, ha la facoltà di scaricare testi o altri contenuti del sito e di diffonderli a mezzo web o stampa, a condizione che nel farlo sia esplicitamente e chiaramente indicata la fonte degli stessi.

Nel rispetto della normativa sulla tutela dei dati personali, Studio Essepi Srl, con sede in via dell’Industria n. 1 a Lugagnano di Sona (VR), in qualità di Titolare del trattamento, informa sulle caratteristiche del trattamento dei dati e sui diritti che la legge riconosce agli interessati.

Si tratta di dati personali e/o identificativi trattati per gli scopi previsti dalla presente politica sulla privacy, cioè informazioni attraverso le quali gli interessati possono essere personalmente identificati, di seguito definiti.

1. Dati di navigazione 
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, ed altri parametri connessi al protocollo http e relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

2. Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nel messaggio.

I dati saranno gestiti da Studio Essepi Srl, in relazione alle finalità indicate, e il trattamento potrà essere effettuato con l’ausilio di strumenti informatici.

I trattamenti connessi ai servizi web offerti da questo sito, in hosting presso la società Siteground Italia Srl, sono effettuati presso la sede di Studio Essepi Srl e sono curati solo da dipendenti, collaboratori interni o esterni della società e incaricati del trattamento,o da eventuali incaricati e responsabili occasionali solo per operazioni di manutenzione. I dati derivanti dai servizi web di norma non vengono comunicati o diffusi, se non in caso dei servizi di formazione, qualora richiesti da normativa vigente .

Il sito può proporre link di accesso a siti di altri enti, organizzazioni o società. Studio Essepi Srl non può ritenersi responsabile circa la loro disponibilità, il loro contenuto, i prodotti ed i servizi da questi offerti, né, tantomeno, di eventuali danni o perdite occorsi in conseguenza del loro utilizzo. Inoltre, Studio Essepi Srl non è responsabile delle modalità e delle finalità di raccolta e di trattamento dei dati personali da parte di tali soggetti terzi.

Studio Essepi Srl non si assume alcuna responsabilità per danni di qualsiasi tipo derivanti dall'accesso a, o dall'impossibilità di accedere a questo sito, o dall'utilizzo di questo sito e del suo contenuto.

1.3 Cookie 
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
Ricordiamo che l’utente, tramite configurazione del proprio browser può in qualsiasi momento disabilitare l’operatività dei cookie o essere informato nel momento in cui riceve il cookies e negare il consenso all’invio.

Fatta eccezione per i dati raccolti automaticamente (dati di navigazione), il conferimento di altre informazioni attraverso moduli predisposti o email è libero e spontaneo ed il mancato invio può comportare solo una mancata soddisfazione di eventuali richieste.

Il luogo di conservazione dei dati è il Server del provider che ospita il sito (http://www.studioessepi.it) per i soli dati di navigazione e gli elaboratori presso la sede studioessepi.it per le altre comunicazioni, ad eccezione dei cookies che sono immagazzinati nei vostri computer.

Google Analytics

Il sito utilizza Google Analytics: i cookie analytics sono considerati tecnici se utilizzati solo a fini di ottimizzazione e se gli IP degli utenti sono mantenuti anonimi.  Informiamo l’utente che questo sito utilizza il servizio gratuito di Google Analytics.  Ricordiamo che i dati vengono usati solo per avere i dati delle pagine più visitate, del numero di visitatori, i dati aggregati delle visite per sistema operativo, per browser, ecc. Questi parametri vengono archiviati nei server di Google che ne disciplina la Privacy secondo queste linee guida.

1.4 Newsletter
Compilando i campi richiesti per l’iscrizione alla newletter, previa accettazione i termini e condizioni della presente tramite spunta e cliccando sul tasto di iscrizione, l’utente permette che il Sito memorizzi i dati e li mantenga nel database per il futuro uso con le modalità e per i fini descritti nella presente policy.

1.5 Interazione con social network e piattforme esterne
Pulsante +1 e widget sociali di Google+, Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook, Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter e Pulsante di LinkedIn per la condivisione. Utilizzano: Cookie e Dati di utilizzo

Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google Inc.)
Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)
Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter, Inc.)
Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

Pulsante e widget sociali di Linkedin (Linkedin)

Il pulsante e i widget sociali di Linkedin sono servizi di interazione con il social network Linkedin, forniti da Linkedin Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di navigazione ed utilizzo.

Luogo del Trattamento: USA – Privacy Policy

2. NATURA DI CONFERIMENTO DEL DATO 
Fatta eccezione per i dati di navigazione raccolti automaticamente, il conferimento di altre informazioni, attraverso moduli predisposti o email, è libero e spontaneo ed il mancato invio può comportare solo una mancata soddisfazione di eventuali richieste.

3. MODALITÀ DEL TRATTAMENTO DEI DATI
Il trattamento dei dati raccolti tramite il sito viene gestito da Studio Essepi mediante strumenti informatici e telematici, per le finalità strettamente connesse a renderLe le informazioni richieste in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi.

Il luogo di conservazione dei dati è il Server del provider che ospita il sito (http://www.studioessepi.it) per i soli dati di navigazione e i data base gestiti dai STUDI ESSEPI SRL per le altre comunicazioni, ad eccezione dei cookies che sono immagazzinati nei vostri computer.

Per l’erogazione e la gestione della Newsletter, STUDIO ESSEPI srl utilizza il servizio offerto da MailChimp (The Rocket Science Group, LLC, 512 Means St., Suite 404 – 30318 – Atlanta, Georigia) e di seguito semplicemente “MailChimp”. I dati raccolti vengono memorizzati sui server di MailChimp.

Ai sensi della privacy policy di MailChimp i tuoi dati non verranno mai utilizzati direttamente da MailChimp o da essa venduti a terzi. MailChimp si serve di operatori opportunamente autorizzati per il mantenimento del servizio e nell’esercizio di detta funzione essi potrebbero avere accesso ai tuoi dati. Valgono, in ogni caso, le garanzie previste dalla privacy policy di MailChimp.

In relazione alle finalità di seguito descritte, quando l’amministratore provvederà ad inviare la newsletter, i dati vengono recuperati mediante gli strumenti messi a disposizione da MailChimp e tramite essi le verrà inviata la newsletter.

4. DIRITTI DELL'INTERESSATO
Ai sensi dell’Art.7 del DL 196/03 che vi riproduciamo integralmente.
1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile

2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:

a. dell’origine dei dati personali;

b. delle finalità e modalità del trattamento;

c. della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;

d. degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;

e. dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L’interessato ha diritto di ottenere:

a. l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;

b. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;

c. l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a. per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b. al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

5. TITOLARE DEL TRATTAMENTO
STUDIO ESSEPI S.R.L. Via dell’Industria, 1 – 37060 Lugagnano di Sona (VR) – P. IVA: 02629680238  Telefono 0458621499
 E-mail: info@studioessepi.it 

Consulenza e formazione. Dal 1995 un punto di riferimento per aziende e professionisti.

Magazine

Valutazione del rischio rumore: quando è obbligatoria

Valutazione del rischio rumore: quando è obbligatoria

La valutazione del rischio rumore identifica la presenza di fonti acustiche sul luogo di lavoro che possono mettere a rischio la salute dei lavoratori esposti.

Rispetto ad altre classi di rischio, i danni da rumore vengono, a volte, sottovalutati, considerando che i termini di causa-effetto non sono immediatamente visibili (come per un incendio o una caduta).

Tuttavia, gli effetti lesivi della salute sono numerosi e di varia natura: dall’ipoacusia, ovvero la diminuzione della capacità uditiva (che può portare fino alla perdita totale d’udito) al coinvolgimento dei sistemi neuroregolatori centrali e periferici (apparato cardiovascolare, endocrino, sistema nervoso centrale ed altri).

Il rumore disturba, inoltre, le comunicazioni verbali e la percezione di segnali acustici di sicurezza, provocando fatica mentale, minore efficienza nel rendimento lavorativo e interferenze sul sonno e sul riposo.

È fondamentale, perciò, predisporre una valutazione di impatto acustico professionale e mirata alle condizioni del luogo di lavoro specifico. Vediamo come fare e quando è obbligatoria.

Valutazione del rischio rumore: normativa

La normativa sul rischio rumore, che regola i termini di condotta e di sicurezza, comprende:

 - D.Lgs. 81/08: Misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori;

 - D.Lgs. 195/06: Attuazione della direttiva 2003/10/CE relativa all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (rumore).

Ad integrazione, vi sono poi i seguenti riferimenti tecnici:

 - UNI EN ISO 9612:2011Acustica - Determinazione dell'esposizione al rumore negli ambienti di lavoro - Metodo tecnico progettuale”: norma che descrive un metodo tecnico progettuale per la misurazione dell'esposizione al rumore dei lavoratori nell'ambiente di lavoro e il calcolo del livello di esposizione sonora. Ai fini della legislazione vigente, la norma è da considerarsi complementare alla UNI 9432;

- UNI 9432:2011 “Acustica - Determinazione del livello di esposizione personale al rumore nell’ambiente di lavoro”: revisione della UNI 9432:2008, norma finalizzata a valutare i livelli di esposizione giornaliera, settimanale e di picco utilizzabili per gli adempimenti previsti dalla legislazione vigente.

La valutazione del rischio rumore rientra negli obblighi del Datore di lavoro, che deve inserire tale prospetto nella redazione del DVR (Dichiarazione di Valutazione dei Rischi) aziendale.

Genericamente, la categoria rumore viene definita come un suono che provoca una sensazione sgradevole, di origine sia naturale sia artificiale.

Un’alta esposizione al rumore nei luoghi di lavoro può causare gravi danni e comporta le malattie professionali statisticamente più significative, ovvero ipoacusia e sordità. In base al grado di esposizione, è possibile considerare due distinte situazioni che possono creare danni all’apparato uditivo:

  • esposizione a un rumore molto forte, come un’esplosione, che provoca dolore e spesso lacerazioni al timpano;
  • esposizione a un rumore meno forte ma superiore a 80-85 dB (limite indicato dalla legge), che può determinare una riduzione dell’udito.

Sul luogo di lavoro si distinguono, in genere, due categorie di suoni o rumori:

  • rumori dannosi: solo quando, in funzione del suo livello e tempo di esposizione, si raggiungono e si superano i limiti previsti dalla legge.
  • rumori disturbanti: quando, indipendentemente dal suo livello e dalla durata di esposizione, pone la persona in una condizione di reattività psicologica negativa.

Come fare la valutazione del rischio rumore

In termini di grandezza fisica, il rumore è un fenomeno vibratorio che genera un’onda sonora misurabile e quantificabile attraverso due parametri principali:

  • ampiezza dell’onda, misurata in decibel (dB)
  • frequenza dell’onda, misurata in hertz (Hz).

Gli effetti nocivi del rumore sull’uomo dipendono da tre fattori:

 1) intensità del rumore;
 2) frequenza del rumore;
 3) durata nel tempo dell’esposizione al rumore.

Per la valutazione del rischio rumore, il Datore di lavoro deve rivolgersi a un tecnico, che misura i vari fattori di rumore presenti sul luogo di lavoro.

In base alla gravità di rischio identificata, si distinguono:

- valutazione del rischio rumore senza misurazioni: nei casi in cui l’esposizione al rischio rumore sia trascurabile, richiede solo alcune rilevazioni standard per poter escludere il superamento dei limiti;

- valutazione del rischio rumore con misurazioni fonometriche: viene effettuato un controllo approfondito con particolari rilevazioni acustiche, che tengono in considerazione diversi fattori presenti sul luogo di lavoro.

Un documento completo di valutazione dell’esposizione del rischio rumore include:

1. definizione dei limiti di esposizione;
2. fattori che possono accentuare il rischio (vibrazioni, rumori impulsivi, etc.);
3. presenza di aree e macchine a forte rischio;
4. interazione tra rumore e segnali di avvertimento o altri suoni di sicurezza;
5. informazioni sull'emissione di rumore fornite dai costruttori;
6. prolungamento del periodo di esposizione al rumore oltre l'orario di lavoro normale;
7. informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria (ad esempio per la presenza di lavoratori particolarmente sensibili al rumore);
8. valutazione dell’efficienza ed efficacia dei DPI-uditivi (Dispositivi di Protezione Individuale).

Valutazione del rischio rumore: quando è obbligatoria

Come accennato, la valutazione del rumore deve confluire nel più generale Documento di valutazione dei rischi.

La responsabilità per tale documento è del Datore di lavoro che, di concerto alle figure professionali previste nei casi di legge (RSPP, Medico Competente, RLS), elabora un prospetto dei possibili rischi sul luogo di lavoro e le relative misure di prevenzione e messa in sicurezza.

L’obbligatorietà della valutazione rumore segue, perciò, quella del DVR, ovvero può riguardare tutte le aziende che hanno almeno 1 dipendente o collaboratore esposto a fonti di rumore.

Anche i termini temporali per la valutazione del rischio di esposizione al rumore risponde alle stesse condizioni del DVR; oltre a queste, per gli agenti fisici quali il rumore, l’art.181 comma 2 del D. Lgs. 81/08 precisa che “la valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici è programmata ed effettuata con cadenza almeno quadriennale”.

L’esito della valutazione del rumore viene obbligatoriamente inserito nei seguenti documenti, se presenti:

  • Piano Operativo della Sicurezza (POS);
  • Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC);
  • Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti (DUVRI).

Se devi organizzare la valutazione del rischio rumore con un sopralluogo nella tua azienda, contattaci oggi stesso per una consulenza!


 


cristiano-rugolotto-studio-essepi  

Scritto da: Cristiano Rugolotto


Consulente tecnico specializzato in acustica ambientale, sicurezza sul lavoro e ambiente, amante della fotografia.





Chiamaci

045 8621499