Consulenza e formazione. Dal 1995 un punto di riferimento per aziende e professionisti.

Magazine

Registro esposizione agenti cancerogeni: info utili

Registro esposizione agenti cancerogeni: info utili

Il registro di esposizione agenti cancerogeni è necessario quando i lavoratori sono esposti al rischio derivante da agenti cancerogeni e mutageni.

Il datore di lavoro è tenuto a istituire, gestire e inviare tale registro all’Inail, per comunicare le informazioni relative ai lavoratori esposti.  

In molti ambiti lavorativi, l’esposizione ad agenti cancerogeni è un pericolo reale e complesso da gestire: i lunghi periodi di latenza tra l’esposizione e l’insorgere dei sintomi, e l’influenza di fattori ambientali e genetici, richiedono un monitoraggio continuo, per tutelare la salute dei lavoratori.

In questo articolo vediamo insieme una sintesi del quadro normativo, e quali sono le modalità di gestione e invio delle informazioni contenute nel registro.

Le norme di riferimento per il registro esposizione agenti cancerogeni

Il D.Lgs. 81/08 riunisce le norme vigenti, in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, in un unico testo normativo. Nell’ambito del titolo IX, capo II – Protezione da agenti cancerogeni e mutageni – definisce:

  • le disposizioni generali e i campi d’applicazione;
  • gli obblighi del datore di lavoro e delle figure coinvolte nel sistema di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • le modalità di gestione del registro e di trasmissione dei dati all’INAIL.

È l’Inail il soggetto istituzionale a cui il datore di lavoro deve fare riferimento, per l’invio delle informazioni richieste nel registro esposizione agenti cancerogeni, tra cui:

  • agente cancerogeno o mutageno utilizzato;
  • livello di esposizione dei soggetti all’agente cancerogeno, quando è noto;
  • elenco dei lavoratori esposti;
  • attività svolta dai singoli lavoratori.

Strumenti per la gestione e l’invio del registro esposizione agenti cancerogeni

La prevenzione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è una delle attività principali del Settore Ricerca dell’Inail. Per svolgere questo compito è necessario il supporto di strumenti e strategie che rendano possibile la gestione organizzata dei flussi delle informazioni.

Con il Decreto interministeriale n.183/2016, che ha istituito le regole tecniche per il funzionamento del Sinp (il Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione) la trasmissione dei registri può avvenire solo per via telematica.

Con circolare 12 ottobre 2017, n. 43, l’Inail ha reso disponibile al datore di lavoro titolare di Posizione assicurativa territoriale (Pat), nonché ai soggetti abilitati dal datore di lavoro stesso, il nuovo servizio telematico “Registro di esposizione”, quale esclusivo strumento per la tenuta e invio del registro.

 L’introduzione del Registro di esposizione informatizzato rappresenta una semplificazione importante in quanto consente, con un unico inserimento telematico, di adempiere a quanto previsto dalla normativa vigente. Il Registro online, infatti, è immediatamente accessibile ai funzionari dei Servizi di prevenzione delle Aziende sanitarie locali, tramite l’inserimento delle proprie credenziali nell’area dei servizi online del portale Inail.

Compilazione registro esposizione agenti cancerogeni: perché è importante

 Inserire i dati con attenzione è fondamentale: non solo per rispettare gli obblighi di legge, ma anche per salvaguardare la salute dei lavoratori:

  • accresce la sensibilità e la consapevolezza verso i rischi per la salute legati alle attività svolte, e permette una gestione accurata delle misure di prevenzione;
  • consente alle ASL di pianificare l’attività di vigilanza e lo sviluppo delle iniziative che riguardano la formazione e l’aggiornamento delle diverse figure preposte alla prevenzione;
  • permette di raccogliere i dati, per stimare il potenziale impatto delle esposizioni ad agenti cancerogeni e delle politiche di prevenzione a livello epidemiologico.

La prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro è essenziale per tutelare gli interessi di tutte le figure coinvolte, e le normative vigenti impongono prassi necessarie per la protezione dagli agenti cancerogeni e mutageni.

Se vuoi saperne di più, e hai bisogno di un’approfondita analisi dei rischi della tua azienda, contatta i nostri esperti per una consulenza professionale.


 


cristiano-rugolotto-studio-essepi  

Scritto da: Cristiano Rugolotto


Consulente tecnico specializzato in acustica ambientale, sicurezza sul lavoro e ambiente, amante della fotografia.





Chiamaci

045 8621499