Consulenza e formazione. Dal 1995 un punto di riferimento per aziende e professionisti.

Magazine

Preposto alla sicurezza: obblighi, responsabilità e formazione

Preposto alla sicurezza: obblighi, responsabilità e formazione

Il preposto, spesso considerato una vera e propria "sentinella per la sicurezza", è una figura chiave per le aziende nella gestione della salute e sicurezza dei lavoratori.

In base alla definizione del Testo Unico sulla sicurezza (art.2), tale ruolo è ricoperto dalla "persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa".

Quando è obbligatorio il preposto? In generale, ad eccezione di alcuni casi specifici, la nomina di tale figura non è obbligatoria: si tratta di una scelta del datore di lavoro che, in questo modo, può organizzare e controllare in modo più efficiente le direttive dell'azienda nell'ambito della sicurezza sul lavoro. È previsto l'obbligo di sorveglianza di un preposto, invece, per attività quali:

 - montaggio e smontaggio delle opere provvisionali;
 - costruzione, sistemazione, trasformazione o smantellamento di una paratoia o di un cassone;
 - lavori di demolizione;
 - lavori in spazi confinati;
 - lavori di installazione di segnaletiche stradali.

Preposto alla sicurezza: responsabilità

Il ruolo del preposto è generalmente ricoperto da figure quali capi-reparto, capi-squadra, capi-officina, capi-turno ecc: soggetti che si occupano, dunque, di sovrintendere e vigilare sulle operazioni di altri lavoratori.

Il preposto può essere nominato formalmente dal datore di lavoro, ma non si tratta di un obbligo di legge: possono essere considerati preposti anche soggetti non investiti di incarichi formali, che danno ordini e gestiscono persone ricoprendo “di fatto” il ruolo (ai sensi dell’articolo 299 dell’81/08, principio di effettività).

Sebbene le responsabilità di tale figura riguardino l'applicazione di misure di prevenzione disposte da altri (quindi non è lui in prima persona a doverle individuare) il preposto è obbligato, per legge, a ricevere un'adeguata e specifica formazione.

Obblighi del preposto alla sicurezza

Per lo svolgimento dei propri compiti, non è prevista alcuna indennità versata al preposto. Egli non può, inoltre, sottrarsi all’adempimento degli obblighi previsti dal Testo Unico, pena possibili sanzioni per inadempimento contrattuale.

L’Art.19 del D.lgs 81/08 definisce, nello specifico, quali sono gli obblighi del preposto alla sicurezza:

a) sovrintendere e vigilare sull'osservanza, da parte dei lavoratori, degli obblighi di legge e delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza (informando i superiori in caso di persistenza delle inosservanze);

b) verificare che solo i lavoratori che abbiano ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono a un rischio grave e specifico;

c) richiedere l’osservanza delle misure per il controllo delle misure di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni ai lavoratori affinché, in caso di pericolo grave e immediato, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;

d) informare il più presto possibile i lavoratori, esposti al rischio di un pericolo grave e immediato, riguardo il rischio stesso e le disposizioni in materia di protezione;

e) salvo eccezioni debitamente motivate, astenersi dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato;

f) segnalare tempestivamente al datore di lavoro (o al dirigente) le deficienze dei mezzi, delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, così come ogni condizione di pericolo che si verifichi durante l’attività lavorativa;

g) frequentare appositi corsi di formazione (secondo quanto previsto dall'articolo 37).

Le sanzioni per i preposti che non rispettino gli obblighi di legge prevedono:

 - arresto da uno a tre mesi o ammenda da 500 a 2.000 euro per la violazione di quanto presente alle lettere a), e), f);
 - arresto sino a un mese o l'ammenda da 300 a 900 euro per la violazione di quanto presente alle lettere b), c), d);
 - ammenda da 300 a 900 euro per la violazione di quanto presente alla lettera g).

Preposto alla sicurezza: formazione

La formazione dei preposti alla sicurezza è obbligatoria per legge ed è a cura del datore di lavoro.

I contenuti della formazione, secondo quanto stabilito dall'art.37 del Testo Unico, riguardano:

 - principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi;
 - definizione e individuazione dei fattori di rischio;
 - valutazione dei rischi;
 - individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.

I corsi di formazione per preposti hanno durata di 8 ore complessive e, in parte, possono essere svolti anche in modalità e-learning (per esempio, 5 ore online e 3 in aula). Gli aggiornamenti, da svolgere ogni 5 anni, sono invece di 6 ore e si possono frequentare interamente via Internet.

Stai cercando un corso per preposti alla sicurezza della tua azienda? Scopri subito l’offerta formativa di Studio Essepi!


 banner ebook studio essepi


renzo-vasselai-studioessepi  

Scritto da: Renzo Vasselai


Socio fondatore di Studio Essepi, consulente esperto in ambito sicurezza e sistemi di gestione, appassionato motociclista.





Chiamaci

045 8621499