pulsante lavora con noi studio essepi

Consulenza e formazione. Dal 1995 un punto di riferimento per aziende e professionisti.

Magazine

Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti: chi è e di cosa si occupa

Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti: chi è e di cosa si occupa

Il Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti è una figura definita all’interno del D.M. n.120 del 3 giugno 2014 che si occupa della corretta organizzazione nella gestione dei rifiuti nelle imprese.

Tale ruolo può essere ricoperto sia da una figura interna all’azienda (il legale rappresentante e/o titolare dell’azienda oppure un dipendente) sia da un professionista esperto che offre i propri servizi di consulenza.

Il Responsabile Tecnico, dunque, deve far rispettare le normative vigenti in materia e assicurarsi che vengano applicate in modo corretto. Ecco, nel dettaglio, chi è e di cosa si occupa.

Chi è il Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti

Il Responsabile Tecnico è colui che pone in essere tutte le azioni necessarie a garantire la corretta gestione dei rifiuti, svolgendo la propria attività in maniera effettiva e continuativa.

In accordo con una delle prime definizioni a riguardo, secondo la circolare del Comitato Nazionale dell'Albo Gestori Ambientali n. 2866/1999, egli "è responsabile delle scelte di natura tecnica, progettuale e gestionale che garantiscano il rispetto delle norme di tutela ambientale e sanitaria, con particolare riferimento alla qualità del prodotto e della prestazione realizzata e del mantenimento dell'idoneità dei beni strumentali utilizzati".

Tale figura, insomma, è un esperto in tutto ciò che riguarda il ciclo di gestione dei rifiuti, abbinando competenze tecnico-scientifiche a quelle legate alla sicurezza sul lavoro e agli adempimenti normativi. La sua presenza è obbligatoria per le seguenti categorie:

 - raccolta e trasporto di rifiuti urbani;
 - operazioni di raccolta e trasporto che riguardano i produttori iniziali di rifiuti (pericolosi - fino a trenta chilogrammi o trenta litri al giorno – o non pericolosi);
 - distributori, installatori, trasportatori e gestori dei centri di assistenza tecnica legati ad apparecchiature elettriche ed elettroniche;
 - raccolta e trasporto di rifiuti speciali (pericolosi e non);
 - imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti;
 - intermediazione e commercio di rifiuti senza detenzione degli stessi;
 - bonifica di siti;
 - bonifica dei beni contenenti amianto.

Requisiti del Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti

Quali sono i requisiti del Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti? Essi consistono in:

 - idoneità dei titoli di studio (secondo quanto regolamentato dal Comitato nazionale, in base alle categorie e classi d’iscrizione);
 - esperienza maturata in settori di attività per i quali è richiesta l’iscrizione;
 - verifica di idoneità (mediante una verifica iniziale della preparazione del soggetto e, con cadenza quinquennale, successivi esami volti a garantire il necessario aggiornamento.

È il Comitato nazionale stesso a definire materie, contenuti, criteri e modalità di svolgimento). Le delibere n.6 e n.7 del 30 maggio 2017, infatti, prevedono che dal 16 ottobre 2017 tutti gli aspiranti responsabili tecnici per la gestione dei rifiuti (così come coloro già in carica, se desiderano ricoprire nuove categorie) debbano sostenere delle Verifiche abilitative.

Il superamento delle prove è un requisito fondamentale per poter ricoprire tale incarico, ed è lo stesso Comitato nazionale a stabilire moduli e argomenti:

 - modulo di carattere generale (obbligatorio per tutte le categorie);
 - modulo per categorie 1,4 e 5 (raccolta e trasporto rifiuti);
 - modulo per categoria 8 (intermediari e commercianti);
 - modulo per categoria 9 (bonifica siti inquinati);
 - modulo per categoria 10 (bonifiche amianto).

Corso per Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti

Frequentare un corso per Responsabile Tecnico Gestione Rifiuti, affidandosi a professionisti qualificati, può permetterti di acquisire tutte le nozioni fondamentali per poter superare gli esami e ricoprire tale incarico.

Grazie al supporto di un team dedicato potrai sviluppare le competenze necessarie per il monitoraggio delle attività di gestione dei rifiuti.

Pur non avendo carattere di frequenza obbligatoria, i corsi di formazione possono essere molto utili per arrivare preparati alle sessioni d’esame previste a carattere regionale.

Tramite Studio Essepi puoi decidere se partecipare a singole giornate formative oppure ai corsi interi, focalizzati in modo specifico in base alle categorie di riferimento:

 - modulo base (24 ore) in preparazione all'esame di carattere generale, obbligatorio per tutte le categorie;
 - modulo specialistico (24 ore) in preparazione all'esame delle categorie 1,4 e 5;
 - modulo specialistico (28 ore) in preparazione all'esame della categoria 8.

Affidati all’esperienza e alla professionalità di Studio Essepi: scopri subito info e costi sui nostri corsi per responsabile tecnico gestione rifiuti.


 


fabiola-giffoni-studio-essepi  

Scritto da: Fabiola Giffoni


Consulente per la formazione aziendale tramite analisi fabbisogni, progettazione ed erogazione corsi, amante del canto.





Chiamaci

045 8621499